sabato 16 marzo 2013

I figli di Baal. La guida rossa di Francesca Costantino (Armando Curcio Editore). Intervento di Alessandra Peluso



Leggere “I figli di Baal. La Guida rossa” (Armando Curcio Editore 2012) di Francesca Costantino è come essere penetrati da un’illuminazione plotiniana. All’improvviso si ha la chiarezza dell’esistenza, si impara a conoscere l’amore raccontato da Baal, il  «Terzo dei Sette raggi d’illuminazione cosmica divina che vorrebbe insegnare l’Intelligenza attiva, l’essenza che specializza la materia in trasformazione. E tutto ciò che è Vita».
È un libro fantastico, una commistione sincronica di fantasia e scienza dove il terzo elemento - la realtà - non è escluso per nulla anzi si inserisce perfettamente contribuendo a indicare una morale, un fine necessario per comprendere la vita.
Francesca Costantino dimostra egregiamente con stile chiaro e dettagliato un racconto avvincente dove non mancano colpi di scena, dove l’idea primaria che sovrasta la narrazione è l’amore che oltre ad infondersi perfettamente, attorniato da un’atmosfera mistica, conferisce mistero e fascino.  Così si legge: «Mr. Luckey riconobbe l’aura magica di un incantesimo che, però, non conosceva. Capì di essere di fronte a una maga di cui non sapeva nulla e fiutò il pericolo. Com’era possibile che un’incantatrice così potente, in grado di resistergli e attaccare le sue illusioni, non fosse tra i pensatori controllati dalla Maga guardiana? Spiazzato, tentò il tutto per tutto. Ritirò immediatamente l’incantesimo del vento e l’energia che teneva il gruppo in aria cessò in un istante». (p. 393).
I figli di Baal” è magico sotto ogni punto di vista lo si legga. È coinvolgente la narrazione ed è stupefacente la descrizione di un mondo fantastico, dei personaggi e di una donna bellissima che ne diventerà la protagonista.
Si ha voglia di leggerlo e non necessariamente il lettore deve essere un appassionato del genere “fantascienza”, coinvolge qualsiasi lettore perchè il romanzo è scritto con cura e accoglie fantasia e realtà di un mondo in particolar modo quello femminile che ci riguarda da vicino così come l’amore, forza d’attrazione delll’esistenza umana e divina. Diventa un Dio l’amore che primeggia nel romanzo e funge da guida per chiunque abbia il desiderio di amare e sognare un mondo migliore, il migliore dei mondi possibili dove forse un giorno potremo abitarci.
Ė un best seller. Un libro accattivante che senz’altro catturerà un vasto pubblico di lettori sia per la veste grafica sia per la trama che per ciò che l’autrice pare voglia insegnare ad ognuno di noi in un contesto di stile e scrittura di sublime valore. È un romanzo da leggere tutto in un fiato con il desiderio incessante di svelare la trama. È da vivere da protagonista come uno di famiglia, un figlio di Baal per lasciarsi pervadere dall’illuminazione divina. Ma soprattutto è una vera e propria lezione di teosofia, dove misticismo e filosofia si intrecciano in un perfetto tessuto esoterico.
Francesca Costantino è capace di dare con il nuovo romanzo “I figli di Baal” - nella consapevolezza di farlo - una lezione magistrale di vita che trasmigra come un’anima nel lettore, come un “karma”, che agendo produrrà un effetto immediato. Ogni persona sembra dire l’autrice ha dentro di sé la potenzialità di cambiare il corso dell’esistenza e ha in sè un karma proprio come lo possiede questo romanzo che pullula di potenzialità positive per chi vorrà accostarsi alla lettura di questa affascinante storia.   
Si vive un romanzo filosofico dunque oltre che semplicemente fantastico che deve dopo averlo letto illuminare, irradiare la nostra vita e garantire un cambiamento radicale nel modo di comportarci con gli altri: è questo che sembra voler ottenere l’autrice dal lettore ed è questo che senza dubbio avverrà leggendo “I figli di Baal. La guida rossa” di Francesca Costantino (Armando Curcio Editore, 2012).      

      
     

Nessun commento:

Posta un commento